HOME   /  La poesia contemporanea   /  Albino Pierro

U jurne di santa Lucia

 

U jurne di santa Lucia,

quanne i'ére mahète a ll'occhiecèlle,
le caccèje d' 'a sacca 'a fijurèlle
e quéte quéte ìje e m'arrasèje
nd'u scure cchi ci chiange
e, nginucchète come nda na chièsie,
le stringìje a lu core e le vasèje.
Mò ca ll'agghie pirdute,
 e m'arricorde schitte di na chèpe
menza chiìchete e di na vranchicèlle
d'auìve e di chill'occhie
nivre nivre e 'ucente nda nu piatte 
uéra turnè nd'u scure n'ata vòte,
cc'u maccature frische nnant'a ll'occhie
ca m'attacàine strinte e ca passàite
dasupr'i lègge e mi ndippàite i ricchie.
Ah quante i'èrete mmègghie,
santa Lucia mèje,
quillu chiante sincire di uagnune
di quiste mò ch'è trùue
come ll'acque ca tròvese chiatrète
supr'i vitre azzanghète,
o com'u chiante ca s'è fatte 'urde
supr' 'a faccia d'i morte mmenz'i strète.
Tanne pinzèje a u sòue,
mò nun penze cchiù a nènte;
tanne le sapìje c'avère stète
n'ata vòte nd'i fosse
cchi ci juchè cc' 'a frèccia e a pitrète;
mò penze ca si spìccete stu chiante
rumagne schitte iè e lu campisante.

Il giorno di Santa Lucia

 

Il giorno di Santa Lucia
quando ero malato agli occhietti,
la cacciavo fuori dalla tasca l'immaginetta
e quieto quieto andavo e mi appartavo
nel buio per piangervi
e, inginocchiato come in una chiesa,
la stringevo al cuore e la baciavo.
Ora che l'ho perduta,
e mi ricordo solo di una testa
mezzo inclinata e di un ramoscello
d'ulivo e di quegli occhi
neri neri e lucenti in un piatto 
vorrei tornare nel buio un'altra volta,
con quel fazzoletto davanti agli occhi
che mi legavano stretto e che passava
sopra le tempie e mi otturava le orecchie.
Ah quanto era migliore,
Santa Lucia mia,
quel pianto sincero di ragazzo
del pianto di adesso che è torbido
come l'acqua che trovi ghiacciata
sopra i vetri polverosi
o come il pianto che si fece sporco
sulla faccia dei morti nelle strade.
Allora pensavo al sole,
ora non penso più a niente;
allora lo sapevo che sarei stato
un'altra volta nei fossi
per giocare con la fionda e a pietrate;
ora penso che se finisce questo pianto
resto solo io e il camposanto.

Stanotte

 

Stanotte, 
mi riminèj nd'u lètte 
cchi ll' occhie spiritète; 
ci uìja i'èsse zinne n'ata vòte 
e mahète. 
Pure mò u vente fiscàite 
nd'u strìttue d'u Barone, 
trimàite u casamente 
e nd'u purtone 
n'atu chène agguajàite.

Stanotte

 

Stanotte, 
mi dimenavo nel letto 
con gli occhi spiritati; 
ci volevo essere piccolo un'altra volta 
e ammalato. 
Pure adesso il vento fischiava 
nel vicolo del Barone, 
tremava il casamento 
e nel portone 
un altro cane abbaiava.    

  •  U spurtone

 

Na vòte, nda une d'i spurtone 
ca lle purtàite u ciucce 
mi ci mittìne a mmi e nda quill'ate, 
cchi lle fè i'èsse père, 
ci scaffàine tante nu piscone. 
Quanta rise ca mi facìje 
si u ciucce sciffuuàite supr'i pétre 
cchiù lisce di nu specchie; 
uìja viré i scintille e m'arranzèje 
cch'i menicèlle strinte supr'u mmàste: 
tèle e quèle i cummère 
si spròjene, a munzelle supr'i graste, 
da i finestre, si pàssete u murcère 
o litichìne i fèmmene a capille. 
Mi piacìte cchiù assèje d'u cavalle 
c'avìje a la massarie 
u spurtone cchi ll'èrve; 
e mbàreche m'ànne fatte na mascìje 
si ancore mò mi sonne di ci ì' 
e mi facére taggliè cc' 'a 'ccètte 
cchi ci trasì'. 

Il cestone

 

Una volta, in uno dei cestoni 
che l'asino portava 
ci mettevano me e in quell'altro, 
per farli essere uguali, 
ci schiaffavano tanto di pietrone. 
Quante risate mi facevo 
se l'asino scivolava sulle pietre 
più lisce di uno specchio; 
volevo vedere le scintille e mi affacciavo 
con le manine strette sopra il basto: 
tale e quale le comari 
si sporgono, a mucchi, sopra i vasi dei fiori, 
dalle finestre, se passa il merciaio 
o bisticciano le donne afferrandosi per i capelli. 
Mi piaceva molto di più del cavallo 
che avevo alla masseria 
il cestone con l'erba; 
e forse mi hanno fatto una stregoneria 
se ancora adesso sogno di andarci 
e mi farei tagliare con l'accetta 
per entrarci.

Prima di parte

 

'A notte prima di parte
 mi ni nghianève a lu balcone adàvete
 e allè sintìje i grille ca cantàine
 ammuccète nd'u nivre d'i muntagne.
  Na lunicella ianca com' 'a nive
 mbianchijàite ll'ìrmice a u cummente
 ma a lu pahàzze méje

 tutt'i balcune i'èrene vacante.

 

 

Prima di partire

 

La notte prima di partire
me ne salii al balcone di sopra
e là sentivo i grilli che cantavano
nascosti nel nero delle montagne.
Una luna bianca come la neve
imbiancava gli embrici al convento

ma al palazzo mio
tutti i balconi erano vuoti.

Quanne i'ére zinne

 

Quanne i'ére zinne
àgghie stète arrasète int'i càmmre
e a scure ll'occhiecèlle
mi pungicàine russe cumigghiète
d'ardìgue. 
Dicìne nd'u paìse
ca m'avìj' 'a cichè.
Ma ié nun ci pinzèje: avìje 'a 'ricchie
addù i'èrete u sòue;
sintìje ca i uagninèlle
jucàine a tròzze, s'arrajàine e ghiìne
a cavalle cuntente supr'u porche;
e pò scippàine ll'èrve a li jummente
ca vinìne da fòre e ci facìne
i zampugnèlle

Quando ero bambino


Quando ero bambino

me ne stavo negli angoli delle stanze
e al buio gli occhietti
mi pungevano, rossi coperti
di ortica. 
Dicevano nel paese
che sarei diventato cieco.
Ma io non ci pensavo: avevo 
l'orecchio
là dove era il sole;
sentivo i ragazzini
giocavano a rimbalzello, bisticciavano e andavano
a cavallo contenti sopra il maiale;
e poi strappavano l'erba alle giumente
che venivano dalla campagna e ci facevano
le piccole zampogne.

Com'agghi' 'a fè ?

 

Si ni stène scrijànne tutte quante,
st'amice méje;
e mò, sti iurne scianghète,
pisante com'a ll'àcine di chiumme
di na ngannacche,
nd'u core ci s'affùnnene cchiù musce
d'u trène-merce
ca ll'è nd'i rote 'a raggia d'i zannète.
Apprime di ci trasì,
nda chilla furnèce,
si facìne sempe cchiù fridde
cc' 'a vie,
e lle pirdìne chilla picca 'uce
ca, mbàreche nd'u 'ampe, ti parlàite
cchiù d'u diàue ca di Die.
E com'agghi 'a fè, mò, com'agghi' 'a fè,
mò ca sùu nu puurelle
e mi ci rasche ll'occhie a nu taùte?
Addù mi ni putèra scrijè, addù:
nda na grutta fatète o mmenz'i sciolle
c'a lu vente nàtene nd' 'ardigue,
si tutt cose, mò pàrete 'a mazze
di nu furgère,
ca scintillanne fìschete e ci azzòppete
nda nu mère di spingue o nda nu mure
di vitre ca pò' si rùppete
e ti sciòllete ncolle?
Eppure nun si scannìjete, u cirvelle,
o amère ci s'accìrete
nda quillu picche ianche d' 'a lune
ca pò' manche ti vìrete,
mda nda n'atu iancore e n'atu fridde
lle sèntete ca tòrnete vicine
na risecèlla 'untène
ca nvèce di murì si fè cchiu belle
nd'i tocche di na campène.

Come devo fare ?

 

Stanno sparendo tutti,
questi amici miei;
ed ora, questi giorni sciancati,
pensati come chicchi di piombo
di una collana,
nel cuore ci s'affondano più lenti
di un treno-merci
che ha nelle ruote la rabbia delle zannate.
Prima di entrarci,
in quella fornace,
si facevano sempre più freddi,
lungo la via,
e la perdevano quella poca luce
che, forse nel lampo, ti parlava
più del diavolo che di Dio.
E come devo fare, adesso, come devo fare,
ora che sono un poverello
e mi ci graffiò gli occhi ad una bara?
Dove potrei sparire, dove:
in una grotta fatata o fra le rovine
che al vento nuotano nell'ortica,
se ogni cosa, ora, sembra la mazza
di un fabbro,
che scintillando fischia e ci piomba
in un mare di spilli o dentro a un muro
di vetro che poi si rompe
e addosso ti crolla?
Eppure non si dispera, il cervello,
o triste ci si uccide
in quella bianca lagna della luna
che poi nemmeno ti vede (ti nota),
ma in un altro chiarore e un altro freddo
sente che torna vicino
una risatina lontana
che invece di morire si fa più bella
nei tocchi di una campana.

A occhie e cruce

 

A occhie e cruce,
pàrete spiccète
stu bbene tante granne ca m'ha' vòste:
nu chiantarèlle, e baste,
e i cose chiène chiène
ànne turnnète belle n'ata vote
com'i fiore scattète nda na graste. 
Ié nun le saccebbòne
si tu n'ha' fatte nu torte
a chill'amore noste ca nascìvite
nda nu véhe rusète:
sacce schitte na cose:
ca ci ha' rumèse nghiùse nda stu core
come nd'i mène sante d'u Signore
tutte quante u crijète.

A occhio e croce

 

A occhio e croce,
sembra che sia finito
questo bene tanto grande che mi hai voluto:
un pianterello, e basta,
e le cose pian piano
son ritornate belle un'altra volta
come i fiori sbocciati in un vaso. 
Io non lo so bene
se tu glielo hai fatto un torto
a quell'amore nostro che nacque
in un velo rosato;
soltanto una cosa so:
che sei rimasta chiusa in questo cuore
come nelle mani sante del Signore
tutto quanto il creato.