Centro italiano di poesia partecipa al convegno internazionale su PPP 40 anni dopo .

L’11 e il 12 giugno 2015, nell’ambito del convegno internazionale Pier Paolo Pasolini: Image, Body, Site / Immagine, corpo, luogo,  il Kunsthistorisches Institut in Florenz – Max-Planck-Institut e la New York University invitano a ripensare l’opera di Pier Paolo Pasolini (1922-1975) a 40 anni dalla morte.
Come un atlante di fotografie e testi inediti, di riferimenti geografici e antropologici il volume Pier Paolo Pasolini: corpi e luoghi (1981), pubblicato già pochi anni dopo la morte dell’artista, rappresentava un primo tentativo di mappare il “cosmo pasoliniano”. Se il convegno Pier Paolo Pasolini: Image, Body, Site / Immagine, corpo, luogo deve costituire l’occasione di una riconsiderazione dell’autore, allora occorre far dialogare l’opera figurativa di Pasolini con i concetti teoretici e storici già noti: nelle loro interazioni semantiche le possibilità di mettere in relazione “immagine, corpo e luogo” sono pressoché infinite. Gli interventi delle sezioni Image, Space/Site e Image, Body fanno da sponda a nuove prospettive sull’immaginario pasoliniano a cavallo tra lirica, prosa, teatro e cinema.

“Pier Paolo Pasolini: Image, Body, Site”.  Manifesto

Sullo sfondo di questa cornice il convegno traccia nuovi percorsi: da un lato riesce a mettere in luce ancora una volta l’importanza storica dell’opera pasoliniana e a delineare la sua eccezionalità per il XX secolo. D’altro canto si interroga sull’attualità di Pier Paolo Pasolini facendo emergere aspetti meno noti dell’opera e della persona del poeta e regista.

Saranno relatori Gian Maria Annovi, Marco A. Bazzocchi, Mimmo Calopresti, Stefano Casi, Roberto Chiesi, Paola Colaiacomo, Angela Felice, Massimo Fusillo, Francesco Galluzzi, Alessandro Giammei, Yervant Gianikian, Toni Hildebrandt, Angela Ricci Lucchi, Armando Maggi, Gloria Manghetti, Ara Merjian, Serafino Murri, Alessandro Nova, Karen Pinkus, J.D. Rhodes, Monica Seger, Vega Tescari, Pieter Vanhove, Rhiannon Noel Welch, Gerhard Wolf .