HOME   /  BACHECA

OLMI 1
Olmi 1.mp3 [17.81 MB]
Download
OLMI 2
Olmi 2.mp3 [17.02 MB]
Download
OLMI 3
Olmi 3.mp3 [13.66 MB]
Download
OLMI 4
Olmi 4.mp3 [13.69 MB]
Download
OLMI 5
Olmi 5.mp3 [21.10 MB]
Download
OLMI 6
Olmi 6.mp3 [14.96 MB]
Download
OLMI 7
Olmi 7.mp3 [13.28 MB]
Download
OLMI 8
OLMI 8.mp3 [17.20 MB]
Download
OLMI 9
OLMI 9.mp3 [15.95 MB]
Download
OLMI 10
0LMI 10.mp3 [15.33 MB]
Download
OLMI 11
OLMI 11.mp3 [12.15 MB]
Download
OLMI 12
OLMI 12.mp3 [17.00 MB]
Download
OLMI 13
OLMI 13.mp3 [14.63 MB]
Download
OLMI 14
OLMI 14.mp3 [9.18 MB]
Download

“Ho bisogno della bellezza, così come amo ogni anelito dell’uomo per compararsi a essa. Rinuncerei a qualsiasi merito artistico pur di riuscire a fare della mia vita un’opera d’arte”. (Ermanno Olmi)

Zio Vanja

Che fare, bisogna vivere

Noi vivremo, zio Vanja. Vivremo una lunga, lunga sequela di giorni e di interminabili sere; affronteremo pazientemente

le prove che il destino ci manderà, adesso e in vecchiaia, senza conoscere riposo. E quando verrà la nostra ora,

moriremo rassegnati e là, nell'oltretomba, diremo che abbiamo sofferto, che abbiamo pianto, che abbiamo conosciuto

l'amarezza, e Dio avrà pietà di noi e tu ed io, zio, caro zio, vedremo una vita luminosa, meravigliosa, splendente; noi ci.

rallegreremo e, commossi, ci volteremo a guardare le sciagure di oggi, con un sorriso, e riposeremo. Io credo, zio, credo

ardentemente, appassionatamente..Riposeremo!

Riposeremo! Sentiremo gli angeli, vedremo il cielo cosparso di diamanti, vedremo tutto il male della terra, tutte le

nostre sofferenze annegare nella misericordia che colmerà di sé il mondo, e la nostra vita diverrà quieta, tenera, dolce,

come una carezza. Io credo, credo..Povero, povero zio Vanja, tu piangi...Non hai conosciuto gioia nella tua vita, ma aspetta, zio Vanja, aspetta... Riposeremo...Riposeremo!     ( da ZIO VANJA)

La carriola

"...una vita remota, che forse era stata sua, non sapeva come né quando; di cui gli alitava il ricordo indistinto non d’atti, non d’aspetti, ma quasi di desiderii prima svaniti che sorti; con una pena di non essere, angosciosa, vana e pur dura, quella stessa dei fiori, forse, che non han potuto sbocciare" ( da  "LA CARRIOLA " )