HOME   /  La poesia contemporanea   /  Tonino Guerra

                                                                                    I sacrifeizi

 

Se mé ò studié

l’è stè par la mi ma,

ch’la fa una cròusa invéci dé su nòm.

S’à cnòss tòt al zità

ch’u i è in chéva e’ mond,

l’è stè par la mi ma, ch’la n’à viazè.

E ir a l’ò purtèda t’un cafè

a fè du pass, ch’la n vaid bèla piò lòm.

Mitèiv disdai. Sa vléiv? Vléiv un bignè?

 

 

I sacrifici


Se ho potuto studiare
lo devo a mia madre
che firma con una croce.
Se conosco tutte le città
che stanno in capo al mondo
è stato per mia madre, che non ha mai viaggiato.
Ieri l’ho portata in un caffè
a far due passi perché quasi non ci vede più niente
Sedetevi, qua. Cosa volete? Un bignè?

 

La mòrta


Mu me la mòrta
l’a m fa una pavéura che mai

ch’u s lasa tròpa ròba ch’l’a n s vaid piò:
i améig, la tu faméia,
al piènti de’ pasègg ch’à cl’udòur,
la zénta te incuntrè una vòlta snò.
A vréa muréi d’inveràn quand che piòv
ch’u s fa la saira prèst,
e d’fura u s spòrca al schèrpi t’ e’ pantèn
e u i e è la zénta cèusa ti cafè
datònda ma la stòva.

 


La morte


A me la morte
mi fa morire di paura
perché morendo si lasciano troppe
cose che poi non si vedranno mai più:
gli amici,
quelli della famiglia, i fiori
del viale che hanno quell’odore
e tutta la gente che hai incontrato
anche una volta sola.
Io vorrei morire proprio dentro l’inverno
mentre piove
in uno di quei giorni in cui è sera presto
e per la strada le scarpe
si sporcano di fango
e la gente è chiusa nei caffè
stretta intorno alla stufa.

 

La farfalla

 

Contento, proprio contento
sono stato molte volte nella vita
ma più di tutte quando
mi hanno liberato in Germania
che mi sono messo a guardare una farfalla
senza la voglia di mangiarla.

L'aria


L’aria l’e cla roba lizira
che sta dalonda la tu testa
e la dventa piò céra quand che t’roid

 

L’aria è quella cosa leggera,
che sta intorno alla tua testa
e diventa più chiara quando ridi.

Un dè 'd utòubar...

 

Un dè 'd utòubar i s'è mèss a caminé
te fiom longh i sentìr ad sabia e dri
callinguètti 'd aqua ch'al sèlta tra i sas.
De mèr u i avéva zcòurs piò di tott
una piscèra che fina e' melanovzentquarènta
la i arivéva a là sò in biciclètta,
pu la s'è fata e' sidecàr e la purtéva
al casètti pini 'd giàz e pès
e la racuntéva ch' u i era dal bés-ci 
drointa l'aqua, piò grandi dal munghèni 
e che dal volti u s'arenéva dal baléni 
ch'l'era dal muntagni ad chèrna 
sòura la sabia.
Rico e la Zaira i n éva mai vést e' mèr
che in linea 'd aria, pasénd da i sentìr de fiom,
l'era a trénta chilometri gnénca.
Adès ormai ch' i avéva quési utènt'an 
i s'è deciois a fè che viàz ad nòzi a pì.
ch'i éva armànd d'aD in ano I stéva 
a Petrèlla Guidi, un ghèt ad chèsi vèci
in dò che ogni tènt u i era di càval
ch'i scapèva dal mèni de manischèlch
e i féva al lozzli sòUa i zòcal mat
e 'd nòta u i era l'udòur de pèn ch' i l cuséva
te fòuran e t al sentévi da drointa te lèt,
ranicéd ti béus di mataràz ad fòi. Rico 
l'à fat e' barbìr quèsi stènt'an ma i oman 
mal dòni e pu e' tuséva i sumàr e al pigri; 
la Zaira la féva al fazèndi 'd chèsa 
e dal volti la tnéva e' cado in dl'aqua 
in dò che l'artésta e' lavéva e' pnèl. 

da Il viaggio

 


[Un giorno d'ottobre si misero in cammino nel fiume, lungo i sentieri di sabbia, dietro
quelle linguette d'acqua che saltano tra i sassi. Del mare i duè avevano scorto soprattutto
una pescivendola che fino al millenovecentoquaranta arrivava lassù da loro in bicicletta; poi
s'era fatta il sideçar e portava le cassette piene di ghiaccio e pesci e raccontava che vi erano
bestie dentro l'acqua, più grandi delle vacche e che a volte si arenavano balene che erano
montagne di carne sulla sabbia. Rico e la Zaira non avevano mai visto il mare che in linea
d'aria, passando per i se!1tieri del fiume, distava sì e no trenta chilometri. Adesso che
avevano quasi ottant'anni s'erano decisi a fare a piedi quel viaggio di nozze che avevano
rimandato d'anno in anno. Abitavano a Petrella Guidi, un ghetto di vecchie case ove ogni
tanto c'era qualche cavallo che scappava dalle mani del maniscalco e faceva le lucciole
sotto gli zoccoli matti e di notte l'odore del pane che cuoceva nel forno, te lo sentivi fin da
dentro il letto, rannicchiato nei buchi del materasso di foglie. Rico aveva fatto il barbiere
quasi settant'anni per gli uomini e per le donne e poi tosava i somari e le pecore; la Zaira
sbrigava le faccende di casa e a volte teneva il catino d'acqua in cui l'artista lavava il
pennello.

Versione dell'autore