HOME   /  La poesia contemporanea   /  Raffaello Baldini

In Dèu
a l dégh sémpra ènca mé, in déu l’è e’ masum,
par stè insén, s’ t vu stè insén, in dis, in véint,
cmè t fè a stè insén?
la zénta invici u i pis d’ ès una masa,
“A sérmi una trentéina,
senza cuntè i burdéll”, e i è cuntént,
“A stèmm insén”,
ch’ u n vò di gnént, t staré tachèd, no insén,
piò ch’a séi e pézz l’è,
stè insén l’ è un’ èlta roba, ta n t n’ incórz?
no, i n s n’ incórz,
lòu, ès un póch l’è cmè no èsi, lòu
i à bsògn da ès in tint, in zént, in mélla,
in dismélla, in zentmélla,
che mè, ai so stè ‘nca mè,
par San Martéin, ma la festa dla Piva,
magné, bai, t chènt, t réid, t rògg,
parchè t chin rògg, l’è tó un rugiadézz,
se no ta n t sint, e par lòu l’è alegréa,
ch’ l’era un caséin, e mè alè zétt te mèz,
‘ s ‘ ut ch’ a t dégga, u m pareva, mo dabón,
d’ès da par mè,
invici in deu, tè e li, la sàira, ad chèsa,
a un zért mumént t smórt la televisiòun,
t ciacàr un po’, li la va ‘dlà, la tòurna,
sorpresa! du gelè,
t vu crema o cecolèta?
pu d’ogni tènt u s scapa, u s va ti pòst,
a magnè fura, e’ cino,
e’ cino l’è una roba,
cmè da burdéll al fòli,
u s sta lè tòtt disdài, zétt, incantèd,
s’ u t vén dal vólti da dí quèl, di dri
u i è sempra éun che ragna: ssst! silenzio!
pu Fine, u s zènd al luci,
l’è cmé svigés, t stè so. e e’ basta un gnént,
che ta i tèn e’ capòt, che la s l’ inféila,
ch’ ta la strènz, no una masa, sno sintéila.

 

 

In Due

Lo dico sempre anch’io, in due è il massimo,
per stare insieme, se vuoi stare insieme, in dieci, in venti,
come fai a stare insieme?
la gente invece gli piace d’essere in tanti,
“Eravamo una trentina,
senza contare i bambini” e sono contenti,
“Stiamo insieme”,
che non vuol dir niente, starai attaccato, non insieme,
più siete e peggio è,
stare insieme è un’altra cosa, non te n’accorgi?
no, non se n’accorgono,
per loro, essere in pochi è come non esserci, loro
hanno bisogno d’essere in molti, in cento, in mille,
in diecimila, in centomila,
che io, ci sono stato anch’io,
per San Martino, alla festa della Pieve,
mangiare, bere, canti, ridi, urli,
perché devi urlare, è tutto un urlio,
se no non ti senti, e per loro è allegria,
che era un casino, e io lì zitto in mezzo,
cosa vuoi che ti dica, mi pareva, ma davvero,
d’essere solo,
invece in due, tu e lei, la sera, in casa,
a un certo momento spegni la televisione,
chiacchieri un po’, lei va di là, torna,
sorpresa! due gelati,
vuoi crema o cioccolato?
poi ogni tanto si esce, si va nei posti,
a mangiar fuori, al cinema,
il cinema è una roba,
come da bambini le favole,
stanno tutti seduti, zitti, incantanti,
se ti viene delle volte da dir qualcosa,
dietro c’è sempre uno che protesta: ssst! silenzio!
poi Fine, si accendono le luci,
è come svegliarsi,ti alzi, e basta un niente,
che le tieni il cappotto, che se l’infila,

.

La gòmma

S’u i fòss ‘na gòmma da scanzlè, ‘na gòmma
da inciòstar, no da lapis, o se no
s’ na machina da scréiv, bat xxx,
o, par fè mèi, xyxy,
o, par fè mèi ancòura, mnmn,
ch’ u s fa pòch mn, mo e’ scanzèla,
porca masòla, ch u n s capéss piò gnént,
o adiritéura, mèi di tòtt, mo a n l’ò,
un computer u i vrèbb, ch’ e’ basta un tast,
e e’ sparéss tótt, senza un scanzlòt, tótt biènch,
cmè ch’ u n fóss suzèst gnént,
parchè mè te mi mònd i sbai ch’ ò fat.

 

 

La gomma

Se ci fosse una gomma da cancellare, una gomma
da inchiostro, no da lapis, o se no
una macchina da scrivere, battere xxx,
o, per far meglio, xyxy,
o per far maglio ancora, mnmn,
che si fa poco mn, ma cancella,
porca masola, che non si capisce più niente,
o addirittura, meglio di tutto, ma non ce l’ho,
un computer ci vorrebbe, che basta un tasto,
e sparisce tutto, senza un cancellotto, tutto bianco,
come non fosse successo niente,
perché io nella mia vita gli sbagli che ho fatto.

A n´e´ so 
Invìci mè l´è un pó ch´a pràigh, ad nòta,
quant a m svégg, ch´a so lè, ch´a n´arcàp sònn,
l´è la vciaia? a n´e´ so, l´è la paéura?
a pràigh, e u m pèr ´d sintéi, a n´e´ so,
cmè ch´a n fóss da par mè, a n´e´ so, cmè che,
l´è robi ch´l´è fadéiga, a déggh acsè,
mo a n´e´ so gnénch´ s´a i cràid o s´a n´i cràid.



Non lo so 
Invece io è un po´ che prego, di notte 
quando mi sveglio, che sono lì, che non riprendo sonno, 
è la vecchiaia? non lo so, è la paura?
prego, e mi pare di sentire dentro, non lo so, 
come se non fossi solo, non so, come se, 
sono cose che è difficile, dico così, 
ma non so nemmeno se ci credo o non ci credo.